Libri di recente o prossima pubblicazione
Settembre 2000

(Le informazioni sono state fornite direttamente dalle case editrici o prelevate dalla quarta di copertina)

Fanucci Editore  

Autore Titolo Collana Codice Prezzo Pagine Traduzione
Stephen Wright M31. Una saga di famiglia Avantpop 13 16.000 256 Simona Fefè
Un'immensa distesa di granturco nel cuore rurale d'America. Una chiesa sconsacrata, al cui interno si cela uno strano oggetto ovoidale, con un osservatorio astronomico fra le arcate. Per Beale, appassionato di UFO, è la meta che sogna da una vita; per Gwen, la sua ragazza, che si sente invasa da presenze aliene, può essere la risposta alle sue angosce. In questa chiesa vivono Dot e Dash, una coppia di conferenzieri convinti di discendere dagli extraterrestri della galassia M31, assieme ai loro figli: Dallas, precocemente alcolizzato; Trinity, ragazza madre anoressica; Maryse, scurrile e violenta; infine Zoe, una bambina autistica secondo i medici, ma che per i suoi genitori è l'unica a essere in contatto diretto con la galassia madre. Tra risse, pasti immangiabili consumati nello squallore di una cucina miserabile, notti popolate di violenze e perversioni, Gwen e Beale troveranno delle risposte, ma forse non quelle che cercavano. M31 è il capitolo centrale e forse il più prezioso di una trilogia apertasi con Meditations in Green, straordinario romanzo sul Vietnam, e conclusa da Going Native (tradotto in Italia da Feltrinelli con il titolo Partenze notturne), commistione avantpop tra il mito del viaggio nelle vene dell'America e la versione degradata e terminale dell'individualismo U.S.A. nella figura del serial killer. Per scrivere queste tre opere, che gli sono valse l'ammirazione incondizionata di maestri come Robert Coover e Don DeLillo e lo status di autore di culto, Stephen Wright ha impiegato quindici anni di continua ricerca e innovazione stilistica. In M31, la fantascienza visionaria di Philip Dick si fonde con il linguaggio barocco e sperimentale di William Burroughs e con il grottesco e il gotico sudista di Faulkner e di Flannery O'Connor. Un impasto folle e senza precedenti, ma anche indispensabile complemento di una vicenda in cui convergono e interagiscono mirabilmente la cultura popolare degli anni Cinquanta e il fondamentalismo reaganiano, la violenza e la repressione dell'America profonda e la rappresentazione di una comunità di freaks che ci somiglia più di quanto vorremmo credere. Ma soprattutto M31 è, come suggerisce il sottotitolo, una vera e propria ‘saga famigliare’: una rappresentazione crudele e disincantata, ironica e partecipe di una famiglia americana e del suo disgregarsi, della violenza dei rapporti di sangue e delle dinamiche di potere, davvero ineguagliabile per lucidità dello sguardo e per forza espressionista.
Stephen Wright, nato nel 1946, ha esordito con un romanzo sulla guerra del Vietnam, Meditations in Green, che ha vinto il Maxwell Perkins Prize. A questo hanno fatto seguito M31 e Partenze notturne (Going Native) pubblicato in Italia da Feltrinelli. Wright vive a New York e insegna alla Princeton University. “A visionary novel…every sentence is beautifully written, sharply detailed…the humor is savage, unflinching” New York Times “A wicked book, as if Thomas Pynchon had collaborated with J D Salinger, as if the Glass family had married into the Munsters”

Russell Banks

Philip K. Dick I giocatori di Titano Collezione Dick 2 25.000 256 Anna Martini
La popolazione terrestre si è enormemente ridotta dopo che una guerra globale ha devastato il pianeta rendendo sterile la maggior parte dell’umanità. Le macchine intelligenti sorvegliano la vita quotidiana, le automobili e le farmacie parlano e litigano con gli utenti, e molti, in modo ossessivo, giocano a Bluff. Si tratta di un gioco di gruppo che accoppia in modo sempre diverso gli individui, creando e sciogliendo matrimoni senza interruzione, in una paradossale lotteria che premia la fortuna dell’ambita fertilità. Ma il Bluff attrae anche i misteriosi invasori del pianeta Terra, i telepatici vug provenienti da Titano, che in nome di una tregua apparente aiutano i superstiti umani nella ricostruzione del loro mondo. Pubblicato nel 1963, l’anno dell’uccisione del presidente Kennedy, I giocatori di Titano racconta in chiave metafisica il turbamento profondo degli anni Sessanta, e rappresenta una delle punte più alte e raffinate della produzione narrativa di Philip Dick. Lo scrittore affronta nel romanzo alcuni dei suoi temi più classici, la percezione soggettiva della realtà, la paranoia, il controllo sociale, miscelando gli elementi tipici della fantascienza classica con colpi di scena degni di un thriller, e accostando la riflessione filosofica a momenti di assoluta comicità.
Terry Goodkind L'ordine imperiale Libro d'Oro 126 28.000 360 Nicola Gianni
L’Ordine Imperiale, nuovo capitolo di uno dei cicli fantasy più amati e seguiti nel mondo, conclude le vicende iniziate nel precedente La stirpe dei fedeli. Jagang l'imperatore è sempre più deciso a conquistare il mondo e non si fa scrupoli di usare le sue capacità di tiranno dei sogni per asservire le persone ai propri scopi. L’unico ostacolo che si oppone al suo disegno di dominio è il potere di Richard. Il Cercatore, in quanto membro della famiglia dei Rahl, è protetto dall’influenza del tiranno dei sogni da un incantesimo lanciato da un suo avo tremila anni prima. Tale incantesimo non protegge solo i Rahl, ma anche tutti coloro che prestano giuramento di fedeltà nei confronti della casata. Jagang cerca disperatamente di rompere l’incantesimo e di uccidere Richard, che ormai domina su tutte le Terre Centrali. L’imperatore decide allora di rapire Kahlan, per condurla nel Palazzo dei Profeti e usarla come esca.
Terry Goodkind è nato a Omaha, Nebraska, nel 1949. Pur soffrendo di una rara forma di dislessia Goodkind ha fatto i mestieri più disparati e stravaganti, coltivando allo stesso tempo la sua passione per la pittura, che lo ha portato a inserire alcuni suoi disegni all’interno dei suoi libri. Nel 1983 si è trasferito nel Maine, dove ha iniziato a creare i personaggi e le trame del ciclo fantasy che lo ha reso celebre in tutto il mondo, “La Spada della Verità”. Il debutto di Goodkind è stato accolto da uno strepitoso successo, forse senza precedenti nel mondo della fantasy. L’Assedio delle Tenebre e La Profezia del Mago, Il Guardiano delle Tenebre e La Pietra delle Lacrime sono diventati bestseller internazionali. L’intero ciclo viene pubblicato in Italia in esclusiva dalla Fanucci Editore.
Bruce Sterling Un futuro all'antica Solaria 9 6.900 256 Racconti

Una strepitosa antologia dei racconti di Bruce Sterling che include due premi Hugo, un Nebula e un premio Locus, e che illustra nel migliore dei modi il mondo inconfondibile dello scrittore, la sua visione di un futuro vicino e possibile abitato da hackers, agenti segreti, mafiosi, imprenditori della Silicon Valley, rivoluzionari in lotta permanente. Un mondo che Sterling racconta con passione e divertimento, e con la serietà dello scrittore che crede nella fantascienza come strumento d’indagine del nostro presente.

Bruce Sterling è nato nel 1954 a Brownville, in Texas. È considerato uno dei massimi rappresentanti della fantascienza moderna e del genere cyberpunk, ed è un’intellettuale costantemente impegnato in battaglie civili e politiche. Tra i suoi romanzi vanno citati Artificial Kid (Fanucci), Cronaca dal basso futuro (Mondadori), Atmosfera mortale (Bompiani), Isole nella rete (Fanucci), Fuoco sacro (Fanucci). L’ultimo suo romanzo, Caos USA (Fanucci) si è aggiudicato il premio Clarke 2000, mentre il racconto “Taklamakan” (incluso in questa antologia) ha vinto il premio Hugo 1999.
Autori Vari Giallofuturo 2000 Fanucci Scuola 1 16.000 256  

Con una nota del Ministro della Pubblica Istruzione

Il mistero e il futuro raccontati dagli studenti italiani: in questa antologia vengono presentati i lavori che hanno vinto la prima edizione dei concorsi dedicati alla narrativa di genere, il premio “Stanley” per il giallo e il “Roger” per la fantascienza. Scritti dagli alunni delle scuole elementari, medie e superiori di tutta Italia, i racconti narrano con un tocco di suspense le drammatiche vicende della criminalità organizzata, e rileggono il passato in una chiave immaginaria e fantastica, rivelando fantasia e perizia letteraria, originalità e passione. Un segnale significativo di vitalità creativa promosso dalle nostre istituzioni e raccolto con particolare entusiasmo dai giovani e dagli insegnanti.

Claudia e Giovanni Mongini Storia del cinema di fantascienza - Volume IX Saggi cinema 9 18.000 320  

Guida di questo volume è Renato Pestriniero, autore del racconto Una notte di 21 ore da cui è stato tratto Terrori nello spazio per la regia di Mario Bava. Si raccontano qui due anni densi di avvenimenti cinematografici di assoluta rilevanza. Conosceremo la storia e i trucchi di Independence Day, i marziani dispettosi di Mars Attacks, gli enigmi di Sfera, il ritorno di un’astronave scomparsa in Punto di non ritorno, il sogno di non essere soli nell’universo di Contact e la guerra contro i feroci e implacabili Borg di Star Trek: Primo Contatto, oltre al faticoso e misconosciuto lavoro dei Men in Black per tenere i terrestri all’oscuro della presenza aliena sul nostro pianeta. Tutto questo assieme alle appendici del Fantafestival, gli Oscar, e alla fantascienza sul piccolo schermo.

Claudia Mongini è nata nel 1975 a Firenze; oltre alla Storia del cinema di fantascienza sta realizzando una monografia su Freddy Krueger per la PuntoZero Edizioni; scrive racconti per Nova SF, articoli a carattere cinematografico su Urania, recensioni e critiche cinematografiche su varie riviste on line e si occupa di videogiochi per le riviste specializzate. Dirige la ARCA Pleiadi Cineteca, specializzata in cinema di fantascienza e orrore, prima in Europa e seconda nel mondo per numero di film.

Giovanni Mongini è nato a Quartesana (FE) nel 1944. Ha scritto nel 1976 la prima edizione della Storia del cinema di fantascienza per la Fanucci Editore; ha pubblicato numerosi articoli di cinema per molte riviste specializzate, fra cui Robot, Alien, Urania, Adventure Flash, Gulliver, Nova SF. Ha prodotto il film De Profundis per la regia di Luigi Cozzi e ha scritto con lui il libro George Pal – Il conquistatore delle stelle per la Nebula Film. Oltre alla stesura della nuova Storia del cinema di fantascienza sta realizzando assieme a Franco La Polla il volume Uomini e mostri per la PuntoZero Edizioni. È ritenuto il maggiore esperto e collezionista di cinema di fantascienza in Italia.

Judith e Garfield Reeves-Stevens Star Trek: Prima direttiva Economica tascabile 130 16.000 256  
Il comandamento più sacro della Flotta Stellare è stato violato. Il suo capitano più famoso è in disgrazia, la nave più celebrata è in pezzi, e l’equipaggio di quella nave è sparso fra le migliaia di mondi della Federazione. Inizia così Prima Direttiva, un racconto epico dell’universo di Star Trek. Fedeli alla tradizione dei best seller Il mondo di Spock e Federazione, Judith e Garfield Reeves-Stevens hanno creato una storia emozionante e misteriosa, un romanzo che segue le vicissitudini dei personaggi di Star Trek in una nuova, elettrizzante avventura per tutta la galassia. Viaggiate con Spock, McCoy e il resto dell’equipaggio della nave stellare Enterprise verso il pianeta Talin, dove si sono concluse le loro carriere. Un mondo una volta pieno di vita che ora giace in rovina, le città ridotte in macerie, la superficie devastata dalle tempeste radioattive… e tutto per colpa loro. I nostri eroi dovranno capire come e perché questa tragedia è avvenuta, e scoprire cosa è accaduto al loro capitano...
Diane Carey Star Trek Deep Space Nine:
La Guerra del Dominio
Chiamata alle armi
Economica tascabile 131 14.000 256  
Basato su episodi televisivi inediti in Italia
La guerra tra la Federazione e l’Impero Klingon da un lato e il Dominio e i Cardassiani dall’altro è cominciata, e la stazione spaziale di Deep Space Nine è sotto assedio. Il Capitano Sisko e l’equipaggio della Defiant devono trovare il modo di chiudere il tunnel spaziale verso il Quadrante Gamma, per evitare l’arrivo di rinforzi del Dominio, che porterebbero alla sconfitta finale. Riusciti nell’impresa, Sisko e tutto il personale della Federazione devono evacuare la stazione, che torna sotto il comando di Gul Dukat. Kira e Odo sono costretti a rimanere a bordo, in virtú di un trattato concluso tra il Dominio e Bajor. La guerra è ormai totale... e perderla significherebbe diventare schiavi del Dominio.